Hidetaka Nishiyama Sensei - ACKTI Associazione Culturale Karate-do Tradizionale Italia

Vai ai contenuti

Menu principale:

Hidetaka Nishiyama Sensei

ACKTI
M° Hidetaka Nishiyama
(1928-2008)
Cintura nera 10° Dan
Maestro di Karate Tradizionale, istruttore internazionale, pioniere nella promozione e diffusione del Karate Tradizionale e presidente dell'organizzazione della Federazione Internazionale Karate Tradizionale (ITKF).

Nato a Tokio nel 1928, Hidetaka Nishiyama iniziò gli allenamenti di karate nel 1944 sotto la guida del M° Gichin Funakoshi. Un anno dopo mentre cominciava L'università di Takushoku, diventava un membro della squadra universitaria di karate, per la quale nel 1949 fu nominato capitano. Egli è stato un cofondatore della federazione collegiale di karate del Giappone e fu eletto come primo presidente.




Il M° Nishiyama ricevette la laurea in economia all'università di Takushoku nel1951. Quello stesso anno fondò, assieme ad altri maestri, l'Associazione Giapponese di Karate (JKA) e fu eletto nel direttivo.



Nel 1952 fu selezionato come membro nello staff di istruttori delle arti marziali di combattimento per il programma di allenamento del comando aereo strategico (SAC). Il personale del SAC praticò allenamenti di Judo, Aikido e Karate al Kodokan. Gli altri istruttori di karate inclusi in questo programma, sotto la direzione del M° Gichin Funakoshi, erano i maestri Masatoshi Nakayama e Isao Obata. Nel1953 il SAC invitò il M° Nishiyama in una missione di Budo composta da dieci membri. La squadra visitò le basi SAC negli Stati Uniti per tre mesi, dando insegnamenti di Karate, Judo e Aikido.

KARATE: L'ARTE DI COMBATTIMENTO A MANO VUOTA, di cui è coautore il M° Nishiyama, fu pubblicato nel 1960. E' ancora oggi considerato il testo definitivo sull'argomento. Nella sua settantesima ristampa (2000 copie per ristampa), può essere considerato il più venduto libro di karate nella storia.


Nel luglio 1961, gli studenti di karate del SAC e di membri della JKA residenti negli Stati Uniti invitarono il M° Nishiyama a visitare L'America. In quell'anno egli organizzò la Faderazione Americana di Karate (AAKF), un'organizzazione nazionale di amatori. Nel novembre dello stesso anno, Il Maestro organizzò, sotto il controllo dell'AAKF i primi campionati nazionali di karate a Los Angeles,in California, dove stabilì anche il suo dojo. Da quel momento il M° Nishiyama è stato la più grande forza di propagazione dello stile Shotokan nel karate sia negli Stati Uniti sia all'estero.

Nel 1965, Il M° Nishiyama organizzò un comitato con la collaborazione dei maggiori stili di karate giapponesi, che portò al primo torneo di karate "Goodwill" traStati Uniti e Giappone.

A causa della partecipazione della squadra collegiale di karate giapponese, questo evento diventò la prima vera gara internazionale di karate.

   
Nel 1968 organizzò il primo torneo mondiale di karate ad invito, tenutosi allo "Sports Arena" di Los Angeles in contemporanea col torneo olimpico commemorativo ospitato dalla Federazione Messicana di Karate a Città del Messico. Durante il torneo si tenne una conferenza che culminò con l'accordo di costituire un'organizzazione internazionale di karate e di tenere il primo campionato mondiale a Tokio. Nel 1970, durante la riorganizzazione dall'AAKF come corpo governativo del Karate Tradizionale, il gruppo della JKA si separò e diede vita alla JKA-US, una partedell'AAKF.

Il M° Nishiyama continuò ad essere il presidente del JKA-US e anche dell'AAKF, Nell'aprile dello stesso anno, la AAKF divenne membro del comitato olimpico degli Stati Uniti.

Nel 1973 il Maestro co-fondò l'Unione di Karate Panamericana (PAKU) e fu eletto come primo direttore esecutivo. Il primo campionato PAKU si tennea Rio de Janeiro, in Brasile.

Basandosi sull'accordo del1968 di Città del Messico, i tornei si tennero a Tokio (1970) e a Parigi (1973). Questi campionati mondiali furono causa di disaccordo per l'insufficiente organizzazione interna. Un incontro internazionale tenutosi in seguito a New York, porto alla formazione della Federazione Internazionale Amatori di Karate (IAKF), con il M° Nishiyama come direttore esecutivo. I primi campionati mondiali IAKF si tennero a Los Angeles nel1975.

Il M° Nishiyama supervisionò la formazione del comitato dei campionati di karate del Mediterraneo e della federazione boliviana nel1976. Inoltre in quell'anno , agendo nell'interesse della IAKF, cercò il riconoscimento da parte del comitato olimpico.


Nel 1977 contribuì alla formazione della Confederazione di Karate americano/caraibica e della Federazione Amatori dell'Asia e dell'Oceania. Nel 1979, in accordo con la legge degli Stati Uniti che regola gli organismi sportivi, la Federazione Americana di Karate diventò la Federazione Americana Amatori di Karate, una corporazione senza fini di lucro. Il M° NIshiyama fu eletto come presidente.

Nel 1981 supportò anche la formazione della Confederazione Sudamericana di Karate e della Confederazione Nordamericana di Karate.



Nel 1985 la IAKF cambiò il proprio nome in Federazione Internazionale di Karate Tradizionale (ITKF), poiché la parola "Karate" era diventata un termine generico applicato ad una varietà di sport da combattimento fondamentalmente differenti dal karate originale come arte marziale. L'ITKF, sotto la direzione del M° Nishiyama, voleva mettere in chiaro che era il corpo governativo del Karate Tradizionale. Nel 1987, l'IOC confermò ufficialmente che l'ITKF era il corpo governativo del Karate Tradizionale, che oggi conta settantadue nazioni associate. Ogni due anni, sotto la direzione del M° Nishiyama, vengono organizzati sia un campionato mondiale di Karate Tradizionale, sia un campionato continentale di Karate Tradizionale.

L'obiettivo principale del M° Nishiyama è quello di creare un forte gruppo di istruttori in modo da trasmettere il karate di alto livello alle generazioni future. Con questo intento ha costituito l'annuale campo estivo internazionale di San Diego, in California, dove gli allievi, gli istruttori e gli arbitri arrivano da tutto il mondo per migliorare il loro karate sotto la guida di maestri di livello mondiale.

Oltre a tutto ciò, per tre mesi l'anno, il M° Nishiyama tiene seminari intorno al mondo includendo il sud America, l'Europa e molte nazioni nell'est Europa, con crescenti programmi di karate.

La reputazione del M° Nishiyama si è espansa non solo per la sua esperienza, superiorità tecnica e per il suo insegnamento, ma anche per la continua ricerca di nuovi metodi di insegnamento



Il M° Nishiyama continua ad insegnare ogni giorno al "Central Dojo" a Los Angeles ed ha un fitto calendario di appuntamenti per seminari e corsi negli Stati Uniti e all'estero.Sta anche producendo nuovi testi e manuali, insiema a videocassette per l'apprendimento del Karate Tradizionale. Recentemente, per onorare il suo contributo, il senato degli Stati Uniti ha issato la bandiera a suo nome nella capitale, Washington D.C., in occasione del suo compleanno. Non solo il governo degli Stati Uniti ha evidenziato i benefici del karate, ma, come risultato del lavoro del M° Nishiyama, anche in altre nazioni, ora vedono il Karate Tradizionale con molto rispetto e cercano di incoraggiare la sua diffusione nei rispettivi paesi.



Born in Tokyo in 1928, Hidetaka Nishiyama began his Karate
training in 1943 under Gichin Funakoshi, founder of modern
Shotokan Karate. Two years later, while enrolled at Takushoku
University, he became a member of the university’s Karate team
and in 1949, its captain. He co-founded the All Japan Collegiate
Karate Federation and was elected its first Chairman.
In 1951, after graduating with a Master of Arts degree in
Economics, Nishiyama co-founded the Japan Karate Association
(JKA) and was elected to the JKA Board of Directors.
In 1952, he was selected as a member of the martial arts combat
instruction staff for the United States’ Strategic Air Command
(SAC) Combat Training Program. In this program, SAC
personnel received training in Judo, Aikido and Karate from top
martial arts instructors including Gichin Funakoshi, Masatoshi
Nakayama and Isao Obata.

In 1953, SAC invited Nishiyama as part of a ten-member Budo Mission from Japan to visit SAC bases
in the United States for three months togive instruction in the martial arts.
In 1960, Nishiyama’s book “Karate: The Art of Empty-Hand Fighting” was published and even today, is
considered the definitive textbook on the subject. Now in its 80th
printing, it is believed to be the best-selling Karate textbook in history.
In 1961, Nishiyama came to the United States on the invitation of SAC Karate students and JKA
members residing in the country. That same year, he organized the All American Karate Federation
(AAKF) as a nationally based amateur Karate organization. In November 1961, he organized, under the
control of the AAKF, the first National Karate Championship in Los Angeles, California where he also
established his dojo. Since then, Nishiyama has been a major force in the propagation of the JKA-Shotokan style of Karate in the United States and abroad.
In 1965, Nishiyama organized a cooperative effort of the major Japanese Karate styles that led to the
first United States vs. Japan Goodwill Karate Tournament, the first truly international Karate
competition.
Then in 1968, Nishiyama organized the first World Invitational Karate Tournament held at the Los
Angeles Sports Arena in conjunction with the Olympic Commemorative Tournament in Mexico City,
hosted by Mexico Karate Federation. A conference that took place during the tournament culminated in
the formation of an international Karate organization that would hold its first World Championship in
Tokyo.
In 1970, during a reorganization of the AAKF as the Traditional Karate governing body, the JKA Karate
group separated and became the JKA-US part of the AAKF. Nishiyama continued as Chairman of the
JKA-US and also Chairman of the AAKF. In April of the same year, the AAKF became a member of
the U.S. Olympic Committee.
In 1973, Nishiyama co-founded the Pan American Karate Union (PAKU) and was elected its first
Chairman with the first PAKU Championship held in Rio de Janeiro.
Based on a 1968 agreement during a Mexico City conference, tournaments were held in Tokyo (1970)
and Paris (1973), but these World Championships resulted in disagreement caused by the lack of formal
international organization. An international meeting inNew York City then resulted in the formation of
the International Amateur Karate Federation (IAKF). With Nishiyama as Executive Director, the IAKF
held its first World Championship in Los Angeles in 1975.
In 1976, Nishiyama oversaw the formation of the Mediterranean Karate Championship Committee and
the Bolivian Karate Federation. Also that year, acting on behalf of the IAKF, he submitted an
application to the International Olympic Committee (IOC) seeking Olympic recognition for Karate.
In 1977, Nishiyama supported the formation of the Central America/Caribbean Karate Confederation
and the Asia/Oceania Amateur Karate Federation.
In 1979, in accordance with U.S. Public Law regulating national amateur sports governing bodies, the
All American Karate Federation was succeeded by the American Amateur Karate Federation, a public
benefit, non-profit corporation and Nishiyama was elected its first President.
In 1981, Nishiyama lent support to the formation of the South American Karate Confederation and the
North American Karate Confederation.
Then, in 1985, the IAKF changed its name to the International Traditional Karate Federation (ITKF)
because the word “Karate” had become a generic term applied to a variety of kicking/punching sports.
The ITKF, under Nishiyama’s direction, wanted tomake it clear it was the governing body of
Traditional Karate. This was confirmed in 1987 when the IOC confirmed that the ITKF was the sole
governing body for Traditional Karate.
In recognition of Nishiyama’s decades of effort on behalf of Traditional Karate and his contribution
towards the physical and psychological health of Americans through Karate, the U.S. National Flag was
flown over the Capitol in Washington, D.C. on October 10, 1999 on the occasion of his 71
st
birthday.
In May 2000, Nishiyama was further honored when the Nishiyama Cup was held in Moscow, the first
official Karate event conducted in Russia since the end ofthe Soviet Union.
Then in November of 2000, the Emperor of Japan awarded Nishiyama with “Kun-yoto” – Fourth Order
of Merit – and was decorated with“Zuiho-sho” – The Order of the Sacred Treasure – for his many
contributions to promote Japanese culture through Traditional Karate.
In addition, the Republic of Poland honored Nishiyama in October 2001 when the President of the
Republic of Poland, Mr. Aleksander Kwasniewski, bestowed upon him one of the highest medals in
Poland, the Officer’s Cross of the Order of Merit ofthe Republic of Poland, on the occasion of the first
Traditional Karate World Cup.
Because of his superior technical expertise and disciplined instruction, Nishiyama’s reputation has
spread worldwide. He has trained thousands of students, many of them now well known themselves as
national and international champions and instructors.
Nishiyama continues to instruct daily at the National Karate Institute (NKI), also known as the Los
Angeles Central Dojo, and travels frequently to conduct seminars and courses around the United States
and abroad.
Despite a heavy teaching and travel schedule, he continues to steadfastly pursue the study of the original
Karate-do technical training systems in order to better integrate those fundamental concepts into modern
methods of instruction.
The year 2005 marked the completion of his over three decades long study. He said, “At this time, I am
very proud to have finally completed this lifelong project and have confidence that we can now pass on
the true art of Traditional Karate to future generations. Now it is your time to meet the new challenges
and accept the opportunities offered by this body of knowledge so that Traditional Karate may continue
to grow and develop for the benefit of all that strive for higher levels of understanding both mind and
body.”
 
Copyright 2016. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu